Benefici e applicazioni di EFT

» QUESTA PAGINA SI LEGGE IN 1,5 MINUTI (300 PAROLE)


BENEFICI DI EFT

EFT non è terapia psicologica e non intende né può sostituirsi ad essa. EFT non sostituisce le terapie mediche. L’esperienza accumulata dagli Operatori dal 1995 ad oggi in tutto il mondo dimostra che EFT è un valido supporto per entrambe.

EFT è una tecnica di riequilibrio cosciente e intenzionale dell’energia personale, che si rivela efficace e rapida per rimuovere principalmente:

- ansie, paure e fobie;
- convinzioni limitanti;
- blocchi emotivi;
- ricordi dolorosi;
- pensieri e stati d’animo negativi.

Generalmente, 1 o 2 sessioni sono sufficienti per sciogliere un tema specifico o un aspetto specifico di un tema più grande.

EFT aiuta a rimuovere gli ostacoli emotivi che impediscono di entrare in contatto con la parte più autentica di sé e di esprimere i propri talenti. In tal modo, contribuisce ad aprire la strada verso il raggiungimento dei propri obiettivi, desideri e sogni.


APPLICAZIONI DI EFT

Le possibilità di applicazione di EFT sono molto ampie.

A partire dal 2007 ho potuto riscontare l’efficacia di EFT in una molteplicità di temi. Riporto di seguito quelli a cui ho avuto l’opportunità di applicarla, distinguendoli per fini puramente espositivi tra pratici ed esistenziali.

Temi pratici:

- paura di volare in aereo;
- paura degli ascensori e degli spazi chiusi;
- paura del vuoto e dell’altezza (vertigini);
- paura degli insetti e degli animali;
- paura degli aghi e del sangue;
- paura delle operazioni chirurgiche;
- paura del parto.

Temi esistenziali:

- paura del fallimento e del giudizio;
- paura di non essere all’altezza e di deludere le aspettative;
- senso di insicurezza, inadeguatezza o incapacità;
- ansia di vivere e di sostenere le responsabilità;
- senso di colpa, rabbia e incapacità di perdonarsi;
- senso di delusione per la vita;
- paura o sofferenza di non essere ascoltati, capiti o visti;
- paura o tristezza di non essere amati, accettati o apprezzati;
- paura o sofferenza di sentirsi non considerati o rifiutati;
- senso di isolamento, di mancanza di sostegno o di abbandono;
- bassa autostima, sensazione di non valere;
- non accettazione, giudizio e vergogna di se stessi;
- mancanza di fiducia in se stessi e nelle proprie idee;
- convinzioni svalutanti sulle proprie potenzialità;
- senso di costrizione e di mancanza di libertà personale;
- senso di non potersi realizzare autenticamente e crescere;
- rabbia, frustrazione, risentimento e delusione nelle relazioni;
- tristezza, rabbia e senso di colpa per violenze o atti subiti;
- tristezza e sensi di colpa per la perdita di persone care;
- rabbia, senso di ingiustizia o impotenza riguardo a eventi vissuti.